F.A.Q. (DOMANDE FREQUENTI)

COLITE ULCEROSA

Il Gastroenterologo spesso è chiamato a risolvere problematiche di Colite ulcerosa.

 

Le domande che più frequentemente vengono rivolte allo Specialista Gastroenterologo su questa patologia sono:

  1. Dopo un viaggio in un Paese Tropicale ho iniziato ad avere diarrea con dolori di pancia e talora vedo muco, sangue o materiale scuro rappreso quando evacuo. Cosa può essere? Cosa devo fare?
  2. Cos’è la Colite Ulcerosa?
  3. La colite ulcerosa si manifesta con la diarrea?
  4. La colite ulcerosa è dovuta a fattori ambientali? Si contrae in Paesi Tropicali?
  5. Quali altri sintomi caratterizzano la colite ulcerosa?
  6. Posso fare esami del sangue per arrivare alla diagnosi della colite ulcerosa?
  7. Con la visita il medico può evidenziare una Colite Ulcerosa?
  8. Quali esami strumentali dovrò eseguire per la diagnosi della Colite Ulcerosa?
  9. Qual è la cura per la Colite Ulcerosa?
  10. Dovrò farmi operare per curare la Colite Ulcerosa?
  11. Quali sono le altre complicanze della Colite Ulcerosa?

 

PREMESSA. Le domande sono esposte in modo metodologicamente scorretto, ma questo è voluto, poiché il paziente esprime i suoi dubbi e le sue richieste senza seguire una metodologia clinica, essendo inesperto del problema medico. E spesso il medico curante e lo specialista Gastroenterologo si trovano a dover dare risposte il più precise possibile ad una serie di domande rivolte tutte insieme e senza una razionalità etio-patogenetica

1. Dopo un viaggio in un Paese Tropicale ho iniziato ad avere diarrea con dolori di pancia e talora vedo muco, sangue o materiale scuro rappreso quando evacuo. Cosa può essere? Cosa devo fare?

Durante o dopo un viaggio in Paesi tropicali può avvenire un’infezione intestinale, batterica o virale, che si manifesta con dolori addominali, diarrea e talora muco o sangue. Per prima cosa faccia un esame completo delle feci, anche parassitologico. Poi consulti un gastroenterologo. Può trattarsi di una colite infettiva oppure del manifestarsi di una malattia infiammatoria intestinale cronica come la rettocolite ulcerosa.

2. Cos’è la Colite Ulcerosa?

La colite ulcerosa è una malattia infiammatoria cronica che colpisce il colon. Essa ha una localizzazione preferenziale nell’ultimo tratto dell’Intestino, cioè nel retto, e tende poi a propagarsi dal basso verso l’alto, sino al colon destro.

3. La colite ulcerosa si manifesta con la diarrea?

Il sintomo della colite ulcerosa con cui si rende clinicamente manifesta è la rettorragia, cioè l’emissione di sangue rosso vivo con le feci oppure è associata a diarrea e mucorrea, cioè emissione di muco nelle feci.

Di solito la diarrea è abbondante, con un numero elevato di scariche giornaliere e con segni di compromissione fisica generale (stanchezza, inappetenza, febbricola). Quasi sempre, comunque, la diarrea si accompagna all’emissione di sangue.

4. La colite ulcerosa è dovuta a fattori ambientali? Si contrae in Paesi Tropicali?

La colite ulcerosa viene sempre più frequentemente riscontrata nei paesi ad elevato livello sociale ed industriale; predilige in particolar modo la razza bianca mentre è meno frequente nella popolazione di colore dei paesi in via di sviluppo. Il fatto che si manifesti dopo un viaggio tropicale dipende unicamente da un’accentuazione dei sintomi a causa di contatti con virus o batteri, frequenti in quei Paesi, dove gli standard igienici sono più bassi che da noi e dove le condizioni climatiche favoriscono il contagio.

5. Quali altri sintomi caratterizzano la colite ulcerosa?

I sintomi di colite ulcerosa dipendono dalla sede e dalla estensione della malattia.

Il dolore addominale è uno dei sintomi più frequenti della colite ulcerosa ed è tipicamente crampiforme con possibile irradiazione anche ai quadranti alti dell’addome e, talora, posteriormente al dorso.

6. Posso fare esami del sangue per arrivare alla diagnosi della colite ulcerosa?

Gli esami del sangue possono dare motivo di sospettarla ma non di diagnosticarla con certezza. L’alterazione ematologica caratteristica è l’anemia che si associa ad una riduzione del Ferro e della Ferritina.
Ciò come conseguenza della perdita cronica di sangue. Le altre alterazioni degli esami di laboratorio sono legati alla infiammazione del colon e dipendono dallo stadio della malattia.
Quindi, se la malattia è in fase di accensione, riscontreremo aumento degli indici ematici della flogosi e cioè aumento della VES, aumento dei globuli bianchi e aumento di alcuni indici di infiammazione (PCR, mucoproteine, RA-test).

7. Con la visita il medico può evidenziare una Colite Ulcerosa?

I segni obiettivi che il medico può evidenziare sono aspecifici e riferibili potenzialmente a qualunque malattia addominale. Il dolore è tra i sintomi più importanti della colite ulcerosa e può essere rilevato dalla palpazione prevalentemente dei quadranti addominali inferiori. Talora, in caso di accensione flogistica della malattia, si possono rilevare segni di “peritonismo”. Un segno specifico è la rettorragia.

8. Quali esami strumentali dovrò eseguire per la diagnosi della Colite Ulcerosa?

La diagnosi della colite ulcerosa viene effettuata esclusivamente con la colonscopia che consente una visione diretta della mucosa del colon e, soprattutto, di effettuare biopsie della mucosa. La diagnosi di colite ulcerosa e la sua stadiazione dipendono dalla valutazione istologica, fondamentale per differenziare la colite ulcerosa dal Morbo di Crohn a localizzazione colica e da coliti aspecifiche.

9. Qual è la cura per la Colite Ulcerosa?

La terapia della colite ulcerosa dipende dallo stadio della malattia. Nelle forme lievi-moderate si utilizzano diversi farmaci, spesso in associazione, che sono rappresentati dalla Mesalazina, Cortisone, Immunosoppressori (Azatioprina e Metotrexate). Molto usate le applicazioni locali di Mesalazina o di Cortisone attraverso clismi. Nella forma severa, oltre agli Immunosoppressori, si utilizza talora la Ciclosporina.

10. Dovrò farmi operare per curare la Colite Ulcerosa?

Le indicazioni alla terapia chirurgica sono rappresentate dalla mancata risposta alla terapia medica in soggetti con coinvolgimento di tutto il colon. Infatti, in questi casi, la malattia, che non è responsiva al trattamento medico, causa continue ed importanti perdite di sangue e può sfociare nella temibile complicanza che è il Megacolon Tossico, potenzialmente mortale se non diagnosticato a tempo.

11. Quali sono le altre complicanze della Colite Ulcerosa?

Un’altra complicanza della colite ulcerosa è il formarsi del cancro del colon. Nelle rettocoliti ulcerose è opportuno eseguire periodici controlli endoscopici per rilevare per tempo lesioni polipose displasiche, cioè polipi che iniziano una trasformazione tumorale.


Terminologia Relazionata a:

 

Link Relazionati all’argomento: